martedì 8 gennaio 2008

Monotonia

Stamattina, dopo settimane, sono tornata ad alzarmi prima dell'alba per andare al lavoro. Sono uscira di casa e l'orologio della mia macchina segnava le 07:09 irlandesi. Buio pesto. Ho percorso la strada che ho fatto milioni di volte ed era inspiegabilmente sgombra. Sono arrivata al lavoro prima del solito, sempre buio e ancora nessuno in ufficio. Al volo dovevo telefonare alla mia amica Sara che oggi compie gli anni. Ho approfittato clamorosamente che tanto pagava l'azienda per chiaccherare un po'. Direi che questo periodo non felicissimo taglia trasvelsamente la mia vita. Una sensazione di NON solititudine in tutto questo, mi ha creato, egoisticamente, una sorta di sollievo.
Stamattina ho aperto gli occhi alle 05.42 ed e' inutile sottolineare che non ho piu' chiuso occhio. Mi giro e mi rigiro in continuazione, studiando una soluzione che mi tiri fuori di qui. Scrivere, parlare, anche solo fare un giro. Ieri ho finito di lavorare presto, ho preso la macchina fotografica e sono uscita per raggiungere Malahide e fare qualche esperimento, visto che quella macchina fotografica decisamenmte non la so usare. Putroppo la luce non era delle migliori perche' stava gia' calando il sole. Il risultato lo scarichero' stasera e lo valutero'...
Sto spulciando i siti web e le offerte dei voli per andarmene da qualche parte. Guardo qua e la' offerte di lavoro. Niente di entusiasmante. O per lo meno, molte cose piu' entusiasmanti di questa, ma nessuna che mi convinca che e' il caso di provare. Si' insomma sempre cosi'...Trascinadosi.
Non ho elaborato la lista dei buoni propositi per il 2008, perche' conoscendomi non ci starei nemmeno dietro, ma stranamente e' da capodanno che sono in fermento, come se dentro di me qualcosa o fosse scattato involtariamente proteso verso il futuro. Mi sento monotona anche in questo.
Mah, mi sa che vado a prendermi un orrendo caffe' alla macchinetta, fa tanto intervallo a scuola...


9 commenti:

  1. dai coraggio sono sicura che troverai una soluzione!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ciaoooooo!!!
    Leggendo le tue prime righe m'è venuto in mente il libro "Nel Bianco" di Ken Follett... vuoi vedere che a Dublino è "fuggito" il virus Madoba-2... ;-)

    ...dormi...e sogna... magari proprio in sogon ti arriverà l'illuminazione, magari non proprio sulla via per Damasco... ma... potrebbe andar bene lo stesso ;-)
    beijoooooos

    RispondiElimina
  4. Un saluto da una Catania che oggi ha avuto temperature primaverili...

    RispondiElimina
  5. Brrr, che freddo!
    Mentre ti rigiri tu, mi rigiro anche io. Ognuna di noi al suo meridiano.
    Io vedrei bene per te un tuffo in un posto caldo. Che se po' fa' ?
    ti abbraccio marina

    RispondiElimina
  6. Tu vorresti scappare, io vorrei venirci in Irlanda... Dublino... un sogno che cullo da troppi anni e troppi rinvii...
    Un abbraccio.
    Melania

    RispondiElimina
  7. buon week-end!!!
    qui piove da far skifo :-(
    beijos

    RispondiElimina
  8. Mi sa che dopo un pò è così ovunque, per questo sono nomade nel sangue ;)

    RispondiElimina