sabato 6 febbraio 2010

Chiave di Rilettura

Stamattina quando mi sono alzata (se le 12.23 si possono considerare mattina) mi sono detta che c'era bisogno di ricaricare le batterie, di trovare un punto d'inizio e intraprendere un percorso. Che c'era da ricominciare lo sapevo. Ritorno a casa e non sapevo né se ce l'avrei fatta né se ci sarei rimasta, poi per grazia o per favore ho trovato lavoro. Ho iniziato ed eccomi qui. Se i piani contemplavano spostamenti ovunque adesso, il mio unico piano è trovare casa. Non è che sono al settimo cielo, anche se è stupido perchè adesso c'è "crisi" e a trovare lavoro devi baciarti i gomiti, però non lo so. IO sono tornata e mi sono trovata apatica con una vita che mi viveva addosso. Alcuni giorni sono positiva altri no è normale. Mi sento una pecora nera o una mosca bianca, perchè ogni giorno mi confronto con un mondo a cui mi sento di non appartenere appieno.
Perdo il filo, lo ricerco eccomi qui, riparto. Prendo in mano Cassandra e lo rileggo l'ennesima volta, pagine sottolineate in diversi colori a testimonianza di tutte le volte che ho riletto quel libro. Non so, mi sento strana. Sempre alla ricerca di un filo e di una ripartenza. 

6 commenti: